Derattizzazione e Monitoraggio  

Derattizzazione e Monitoraggio

Gestione roditori

Disinfestazione Insetti Aree Urbane  

Disinfestazione Insetti Aree Urbane

Trattamenti insetti

Monitoraggio Agro-Alimentare  

Monitoraggio Agro-Alimentare

Secondo Norma di Legge


Trattamenti Fitosanitari Verde Ornamentale

La salute del verde


Sistemi di Allontanamento Volatili

Gestione dell'avifauna urbana


Disinfezione e Sanificazione da Microrganismi e Virus

La disinfezione degli ambienti


Consulenza Entomologica

I nostri servizi di consulenza entomologica


Noleggio e Assistenza Tecnica Lampade UV

Lampade elettro-insetticide


Trattamenti in Atmosfere Modificate

Risanamento di manufatti cartacei, lignei ed organici


Monitoraggio Agro-Alimentare

Secondo Norma di Legge


In Italia, l’obbligo di predisporre un sistema di autocontrollo in materia di igiene dei prodotti alimentari è stato introdotto per tutte le attività industriali ed artigianali con il DL 155/97 e successive integrazioni. Questa attività di autocontrollo prevede la identificazione dei potenziali rischi, la valutazione della loro gravità e probabilità di verificarsi, la preparazione di una procedura per il controllo dei punti critici.

Dal 1° gennaio 2006, sono entrati in vigore alcuni regolamenti noti nell’insieme come “pacchetto igiene”, che interessano e regolamentano tutte le fasi della produzione alimentare, a partire dalla produzione primaria (allevamento e coltivazione delle materie prime). Questi regolamenti confermano in sostanza il sistema HACCP (introdotto con il DL 155/97) per quanto riguarda l’analisi dei rischi e dei punti critici di controllo, ed inoltre prescrivono altri requisiti igienici, incoraggiano la diffusione di manuali di buona prassi igienica, coinvolgono una Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare.

Principi dell’HACCP:

  1. Identificare i rischi potenziali relativi a tutte le fasi dello sviluppo di un alimento, dalla produzione come materia prima (coltivazione od allevamento), alla distribuzione, fino al consumo; valutare, al contempo, le probabilità che il rischio si verifichi ed individuare le misure preventive per il suo controllo.
  2. Determinare i Punti Critici di Controllo (C.C.P.).
  3. Stabilire, per ogni punto critico, dei valori limite.
  4. Stabilire, per ogni punti critico, un sistema di monitoraggio.
  5. Scegliere l’azione correttiva da mettere in pratica quando il monitoraggio segnala che un certo punto critico non è sotto controllo.


Photogallery tecnica

Clicca sull'icona desiderata per ingrandire l'immagine



I servizi offerti

Cosa prevede il nostro servizio


Monitoraggio Agro-Alimentare

Il nostro servizio prevede:

I sistemi di monitoraggio prevedono l'impiego di diversi strumenti e tecniche; sono rappresentati dalle ispezioni ambientali, di carattere visivo, ai campionamenti sulle partite di derrate, alle trappole (a feromone, ad attrattivo alimentare, luminose a luce UV, cromotropiche), al filth test, (analisi che si effettua sugli alimenti e riguardante le impurezze di varia natura, con particolare cura a quelle di natura biologica).